Biomasse
Biomasse

Biomasse, l'energia degli alberi…

L'utilizzo delle biomasse (materiali di origine organica, vegetale o animale che non hanno subito alcun processo di fossilizzazione) come fonte di energia rappresenta un passaggio obbligato per chi sceglie di non inquinare l'ambiente e di godere, contemporaneamente, di sicuri benefici economici. Tutti i sistemi di riscaldamento che utilizzano legna, pellet o cippato consentono di ottenere a costi competitivi calore confortevole ed ecologico. Ma ciò che rende realmente vantaggioso l'uso energetico della biomassa è il costo di esercizio degli impianti, cioè il costo per l'acquisto del combustibile ovvero il costo della "materia prima".

L'impiego delle biomasse comporta una riduzione significativa delle emissioni responsabili dell'effetto serra con vantaggi economici diretti. Essendo i tempi di utilizzo compatibili con quelli necessari al suo ripristino, la biomassa può essere considerata una fonte energetica rinnovabile ed, in quanto tale, un impianto a biomassa può usufruire degli incentivi previsti dai certificati verdi (CV), con finanziamenti per la realizzazione dell'impianto, possibilità di risparmiare sulla bolletta nel caso di autoconsumo e di guadagnare vendendo l'energia elettrica prodotta nel caso di centrali elettriche o l'energia termica nel caso di teleriscaldamento. Inoltre, la normativa vigente stabilisce che, rispetto alle altre fonti di energia rinnovabile, per gli impianti alimentati da biomasse di filiera è sancita la cumulabilità con altri incentivi pubblici, non eccedenti il 40% del costo dell'investimento.

Da non trascurare, infine, il vantaggio economico rappresentato dal recupero energetico degli scarti ed i residui delle produzioni agricole e agro-industriali che contribuisce anche ad alleviare il problema ambientale dello smaltimento di queste sostanze.

La promozione del recupero energetico da biomasse, dà vita ad una diversificazione dell'offerta energetica in Europa, con aumento della quota delle fonti rinnovabili d'energia ed una riduzione del livello dell'energia importata. In quest'ottica si può assistere ad un eventuale pressione al ribasso sul prezzo del petrolio, risultante dalla flessione della domanda. Infatti l'uso energetico delle biomasse è definito dall'Unione Europea, uno dei più efficienti sistemi per ridurre le emissioni di gas serra: la combustione della biomassa libera la stessa quantità di CO2 che la pianta durante la crescita ha ricevuto dall'atmosfera. Congiuntamente all'abbattimento delle emissioni di CO2 devono essere considerate anche le emissioni evitate di tutti quegli inquinanti derivanti dall'uso di combustibili fossili, come l'SO2, il CO e il benzene. Sempre a livello ambientale, si avranno effetti positivi anche a scala locale con la tutela degli agro-ecosistemi. La valorizzazione energetica dei materiali organici nei cosiddetti impianti a biomassa contribuisce alla produzione di energia termica e con impianti di medie o grosse dimensioni può produrre anche energia elettrica, contribuendo a limitare le emissioni di anidride carbonica e quindi gli impegni del Protocollo di Kyoto.

La più antica biomassa utilizzata per la produzione di energia è la legna. Oggi assistiamo all'utilizzo di molteplici prodotti organici per la produzione energetica alcuni, come la legna, utilizzabili tal quali, altri invece necessitano di alcuni trattamenti che possono essere semplici o complessi.

 

Biomassa forestale

Per Biomassa forestale si intende l'insieme dei prodotti ottenuti dal taglio dei boschi, come i semplici ciocchi di legna, il pellet ed il cippato.La biomassa forestale oggi può essere utilizzata per alimentare caldaie ad altissimo rendimento, fino al 90%, rendendola economicamente competitiva con molti combustibili fossili. Queste caldaie forniscono acqua calda per il riscaldamento e per i sanitari. Le tipologie più frequenti sono: Caldaie a tronchetti di legna, Caldaie a pellet, Termocaminetto ad aria o ad acqua, Caldaie a cippato. Impianti a cippato possono essere utilizzati anche per la cogenerazione (produzione di calore ed elettricità), utilizzando diverse tecnologie. Una delle più avanzate sfrutta la gassificazione della sostanza legnosa che può essere abbinata a caldaie anche tradizionali oppure a tecnologie più raffinate come il motore Stirling.